Sportello per l’adolescenza

L’adolescenza è una fase della vita della donna caratterizzata da cambiamenti fisici e psichici, da un nuovo assetto ormonale e dalla consapevolezza di acquisire il dono della fertilità.

Queste modificazioni radicali richiedono un’attenta sorveglianza da parte di genitori, insegnanti, educatori e specialisti sia in termini preventivi che diagnostici. A volte è sufficiente qualche informazione in più rispetto ai cambiamenti che l’adolescente vive, perché l’esperienza possa essere vissuta con consapevolezza ed integrata nel naturale evolversi della vita, altre volte una valutazione attenta può evidenziare precocemente elementi di disturbo che, se trascurati, potrebbero determinare l’insorgenza di patologie difficilmente correggibili.

adolescenza

 

L’adolescenza: età di crisi perché età di transizione

Il periodo adolescenziale segna il passaggio tra l’immaturità fisica, sociale e sessuale dell’infanzia e la maturità, fisica sociale e sessuale, tipica dell’età adulta. È il momento in cui si costruisce la propria identità.

I fronti rispetto ai quali l’adolescente è impegnato sono duplici: conoscere e definire il proprio sé in trasformazione, e contemporaneamente imparare a modulare l’incontro con l’altro (amici, genitori, fratelli, sorelle, fidanzati, etc) così che l’incontro possa essere non soffocante, né disimpegnato ma fonte di benessere.

I giovani cominciano a conoscere e a familiarizzare con il proprio corpo “sessuato”, ma anche a conoscere e “incontrare” il corpo dell’altro. Ci si avvia verso quella fase che porterà a costruire un’esperienza di intimità fino a quel momento sconosciuta.

Nell’attenzione al corpo in trasformazione è importante tener presente alcuni aspetti.

È necessario, per esempio, porre particolare attenzione alla dieta in età adolescenziale, visto che spesso molte giovani si sottopongono a regimi dietetici carenti e arbitrari, allo scopo di mantenere il loro fisico il più simile possibile a quell’ideale di riferimento proposto dalla società. Tale atteggiamento predispone la ragazza a disturbi mestruali che potrebbero compromettere la fertilità futura.

Il precoce inizio dell’attività sessuale non associata alla dovuta consapevolezza e controllo della propria fertilità determina una serie di rischi che vanno dall’insorgenza di una gravidanza non desiderata, alla possibilità di contrarre infezioni per il mancato rispetto di norme igieniche e per l’occasionalità dei rapporti. Inoltre, i primi rapporti sessuali vissuti con scarsa consapevolezza rispetto al significato e all’impatto che una tale esperienza rappresenta, possono determinare l’insorgenza di paure e di ostacoli alla creazione di una successiva vita sessuale soddisfacente.

adolescenza1

GINECHO propone …

            Alla luce delle riflessioni fatte, lo studio GINECHO propone uno Sportello per l’Adolescenza, che preveda la possibilità di usufruire, nell’ambito dello stesso appuntamento, sia della consulenza ginecologica, sia di quella psicologica-psicoterapeutica.

L’obiettivo è quello di offrire all’adolescente che lo desideri uno spazio di riflessione, confronto, informazione tanto in ambito fisiologico, quanto in quello psicologico.

 

Con la ginecologa …

Possono esserci tante buone ragioni per una visita ginecologica: per esempio, si può andare dal ginecologo e avere notizie sul ciclo mestruale, se è irregolare, se è doloroso prima o durante la mestruazione, oppure se le mestruazioni sono troppo abbondanti, o se non sono ancora arrivate. Il ginecologo è la persona qualificata con la quale è l’adolescente può approfondire la conoscenza del suo apparato genitale e soddisfare tante curiosità.

Nei casi in cui non si siano avuti ancora rapporti, la visita si limiterà a un’ispezione dei genitali esterni, ad un controllo del seno e ad un’accurata un’ecografia pelvica che consiste nel visualizzare e fotografare l’utero e le ovaie tramite l’ausilio di una sonda ad ultrasuoni che viene appoggiata sull’addome.

Ragazze che hanno invece iniziato ad avere rapporti, hanno la possibilità di eseguire sia il PAP-test, per la prevenzione del tumore del collo dell’utero e l’individuazione delle malattie sessualmente trasmesse, sia l’ecografica trans-vaginale, e inoltre di avere informazioni dettagliate sui metodi contraccettivi, sulle norme igieniche e sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse.

Adolescenza2

Con la psicologa …

In occasione della prima visita ginecologica, chi lo desidera potrà usufruire di un colloquio psicologico, che vuole essere uno spazio per riflettere sulla risonanza emotiva e cognitiva che le trasformazioni del corpo hanno. È un tempo nel quale è anche possibile riflettere sull’impatto che l’esperienza di una dimensione intima nuova può significare: paure, desideri, dubbi.

La creazione di una vita sessuale soddisfacente e significativa è il frutto di una conquista attenta e consapevole, data dall’incontro di conoscenze specifiche e scelte realmente e profondamente corrispondenti al proprio sistema di valori e alla persona che si decide di essere.

 

Dott.ssa Claudia Carusotti         Dott.ssa Beatrice Saltarelli.

Creazione Siti WebSiti Web Roma